La vera storia del romanzo

La vera storia del romanzo

Lingua originale: inglese
Traduzione di Rosalia Coci
Titolo originale: The true story of the novel

«Questo libro è la rivelazione di un segreto molto ben tenuto, e cioè che il romanzo come forma di letteratura in Occidente ha una storia continua lunga circa duemila anni».

«Il mio scopo è esaminare le continuità e creare connessioni – dichiara Margaret Doody annunciando le intenzioni di questa analitica storia del romanzo che sovverte radicati luoghi comuni –. Questo libro è la rivelazione di un segreto molto ben tenuto, e cioè che il romanzo come forma di letteratura in Occidente ha una storia continua lunga circa duemila anni. Questo, ovviamente, non è affatto un ‘segreto’. Qualsiasi testo che proponga una storia completa del romanzo cita i romanzi dell’antichità, ma di solito con noncuranza, spesso semplicemente con note in calce. A quanto pare abbiamo fatto un grande investimento esibendo trionfalmente il romanzo come la forma dei tempi moderni, e per di più tutta occidentale. Negli ultimi duecento anni, nel raccontare la nostra storia, non siamo stati del tutto sinceri in Europa Occidentale e in America. Un’analisi riveduta del romanzo significherà una visione riveduta di
ciò che costituisce il concetto occidentale di ‘personalità’.
 «Il primo compito di questo libro nella Parte prima dev’essere di recuperare i romanzi antichi per il lettore, in primo luogo attraverso la descrizione degli esempi più rilevanti di romanzi in greco e latino, e in seguito attraverso l’esame dei loro contenuti, temi e tecniche. La Parte seconda spiega prima di tutto come i romanzi in greco e latino siano sopravvissuti e abbiano influenzato la letteratura del Medioevo, e poi come abbiano esercitato, grazie ad un impetuoso impulso di rinnovata popolarità, una marcata influenza sugli sviluppi letterari dal quindicesimo al diciottesimo secolo. La Parte terza abbandona il metodo storico e si occupa dei temi. Qui esamino le metafore o immagini metaforiche, oppure, come li chiamo io, i ‘tropi del romanzo’. L’approccio sarà tematico, e non cronologico. Romanzi di epoche diverse si ritroveranno l’uno accanto all’altro; romanzi del 250, 1560, 1840, 1980, 1750 potranno essere messi insieme in una sorprendente combinazione, per mettere in rilievo le somiglianze e le continuità.»

Autore

Margaret Anne Doody, canadese, è professore di letteratura comparata. I romanzi con Aristotele detective, sono diventati caso letterario anche per l’esattezza dell’ambientazione storica: Aristotele detective (del 1978 e pubblicato da questa casa editrice nel 1999), Aristotele e il giavellotto fatale (2000), Aristotele e la giustizia poetica (2001) (ora raccolti nel volume del 2010 Aristotele detective. I primi casi), Aristotele e il mistero della vita (2002), Aristotele e l’anello di bronzo (2003), Aristotele e i veleni di Atene (2004), Aristotele e i Misteri di Eleusi (2006), Aristotele e i delitti d’Egitto (2010), Aristotele e la favola dei due corvi bianchi (2012), Aristotele nel regno di Alessandro (2013). Il romanzo Gli alchimisti e il saggio La vera storia del romanzo sono stati pubblicati nel 2002 e nel 2009.

Altri titoli in catalogo

Suggerimenti

Chi ha consultato la pagina di questo libro ha guardato anche:

X

Suggerisci il libro ad un amico

Caro lettore, inserisci i tuoi dati e quelli di una persona alla quale desideri inviare questa segnalazione. Puoi inoltre aggiungere un messaggio per personalizzare la e-mail.

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy

X

Inviaci la tua recensione

Caro lettore, se desideri puoi inviarci la tua recensione di questo libro e condividerla con altri lettori.
I contenuti inseriti in questa pagina saranno pubblicati sul sito nei prossimi giorni, previa valutazione dell'editore.

Massimo 1800 caratteri

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy

X

Scrivi all’autore

Cari lettori, se volete scrivere ad uno dei nostri autori saremo lieti di inoltrare le vostre lettere.
Tuttavia, vi ricordiamo che non possiamo assicurarvi una risposta.

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy