Da vicino e da lontano. Uomini e cose di Sicilia

Da vicino e da lontano. Uomini e cose di Sicilia

L'identità siciliana è caratterizzata dall'accumulo storico di molteplici esperienze culturali. «Questo libro propone una immagine contrastiva della realtà isolana che si ricompone come "unitaria" attraverso i diversi punti di vista adottati».

Mutamento e permanenza, nel loro rapporto aperto, non risolto, sono gli ovvi punti di riferimento per comprendere qualunque realtà culturale in divenire nella sua identità, dello sforzo cioè di isolare, in quella dialettica, i caratteri invarianti. Nel caso della Sicilia questa prospettiva di metodo è stata complicata, talvolta oscurata dal mito della «sicilianità» o della «sicilitudine» che ha funzionato come rappresentazione distorta ogni volta che si trattava di delineare grandi sintesi di storia della cultura, spesso a giustificazione delle «cose di Sicilia» di fronte a se stessi o agli altri. Negli ultimi cinquant'anni, la vigilanza critica verso questo sguardo mitico e distorcente si è fatta sensibile nel campo della storiografia, impegnata a riscrivere una storia della Sicilia libera dal luogo comune di una «storia di importazione», aggettivata secondo la successione dei «conquistatori» o dei potentati succedutisi, priva di autonomia, una storia da «Sicilia sequestrata». Dal canto suo, lo «sguardo antropologico» ha dato pure un contributo sostanziale ai fini della correzione di una lettura distorta della realtà della Sicilia, ricollocandone i processi culturali all'incrocio di una più ampia circolazione di idee e di saperi. Si tratta di un lavoro iniziato da Giuseppe Cocchiara e proseguito da vari studiosi, anche non siciliani, da considerare ancora in fieri. Questo libro propone una immagine contrastiva della realtà isolana che si ricompone come «unitaria» attraverso i diversi punti di vista adottati, esterni e interni, presenti e passati, su osservatori e osservati. Esso ambisce a suggerire alcuni percorsi affinché si continui ancora a riscrivere, della cultura siciliana, il presente del passato e il presente del futuro.

Autore

Gabriella D'Agostino (1961) insegna Antropologia culturale nella Facoltà di Scienze della Formazione dell'Università di Palermo. Per questa casa editrice ha curato una nuova edizione di L'eterno selvaggio di G. Cocchiara (2000), l'edizione italiana di Sesso e genere. L'identità maschile e femminile di S. B. Ortner e H. Whitehead (2000) e del volume Il discorso antropologico. Descrizione, narrazione, sapere di J.-M. Adam, M.-J. Borel, C. Calame, M. Kilani (2002).

Suggerimenti

Chi ha consultato la pagina di questo libro ha guardato anche:

X

Suggerisci il libro ad un amico

Caro lettore, inserisci i tuoi dati e quelli di una persona alla quale desideri inviare questa segnalazione. Puoi inoltre aggiungere un messaggio per personalizzare la e-mail.

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy

X

Inviaci la tua recensione

Caro lettore, se desideri puoi inviarci la tua recensione di questo libro e condividerla con altri lettori.
I contenuti inseriti in questa pagina saranno pubblicati sul sito nei prossimi giorni, previa valutazione dell'editore.

Massimo 1800 caratteri

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy

X

Scrivi all’autore

Cari lettori, se volete scrivere ad uno dei nostri autori saremo lieti di inoltrare le vostre lettere.
Tuttavia, vi ricordiamo che non possiamo assicurarvi una risposta.

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy