La vita felice

La vita felice

Lingua originale: latino
Traduzione di Gavino Manca
Titolo originale: De vita beata
Nota di Gavino Manca
Con un saggio di Denis Diderot

Scriveva Diderot - il destinatario di questo trattatello, che si può considerare come un'apologia di Seneca e come una satira dei falsi epicurei, è Gallione, fratello del filosofo. «O Gallione, fratello mio, tutti gli uomini vogliono essere felici; ma tutti sono ciechi, quando si tratta di esaminare in che cosa consiste la felicità». Il nostro filosofo aveva individuato il vero fondamento della morale. Propriamente parlando, c'è un solo dovere: essere felici; e c'è una sola virtù: la giustizia.

«Apologia di Seneca e satira contro i falsi epicurei» definisce Diderot il De vita beata, nel classico studio premesso a questa edizione, e si mostra attratto da questa duplicità. Da un lato Seneca argomenta i temi del vero stoicismo: «non dar peso alla fortuna, né quando s'avvicina né quando s'allontana», «non aver desideri né timori», «felice è chi vive contento del proprio stato», «la virtù proceda per prima e porti le insegne; avremo ugualmente il piacere, ma ne saremo padroni e regolatori». Nella seconda parte scaglia la sua eloquenza contro i detrattori che giudicavano vana, interessata, complice la sua prossimità col potere tiranno: «non chiedermi di essere al livello dei migliori, ma soltanto di essere migliore dei malvagi». Un'ambiguità emblematica, secondo Diderot, che vi vedeva riflesso il dramma di domande e mancate risposte: che mezzi ha la cultura, la filosofia, per influire sulla felicità degli uomini: e può esistere una cultura indifferente di fronte alla felicità? Come può l'uomo probo, il saggio, impegnarsi per il bene comune? Ed è ancora in queste domande e mancate risposte che può vivere la forza della travagliata riflessione morale di Seneca, quando comincia a sembrare invecchiata la separazione tra etica e politica, e si torna a guardare all'etica - come àncora, o come zavorra - nei discorsi sul bene comune.

1988

La memoria n. 178

84 pagine

EAN 9788838904936

Non disponibile

Autore

Lucio Anneo Seneca (4 a.C.-65 d.C.) scrittore latino, aderì, in seguito alla delusione politica, alla filosofia stoica che ispirò gran parte delle sue opere: De ira, De tranquillitate animi, De otio, De clementia, ecc.. Questa casa editrice, di Seneca, ha pubblicato La vita felice (1988) e Alla madre (1997).

Altri titoli in catalogo

Suggerimenti

Chi ha consultato la pagina di questo libro ha guardato anche:

X

Suggerisci il libro ad un amico

Caro lettore, inserisci i tuoi dati e quelli di una persona alla quale desideri inviare questa segnalazione. Puoi inoltre aggiungere un messaggio per personalizzare la e-mail.

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy

X

Inviaci la tua recensione

Caro lettore, se desideri puoi inviarci la tua recensione di questo libro e condividerla con altri lettori.
I contenuti inseriti in questa pagina saranno pubblicati sul sito nei prossimi giorni, previa valutazione dell'editore.

Massimo 1800 caratteri

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy

X

Scrivi all’autore

Cari lettori, se volete scrivere ad uno dei nostri autori saremo lieti di inoltrare le vostre lettere.
Tuttavia, vi ricordiamo che non possiamo assicurarvi una risposta.

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy