La vita oggi

La vita oggi

Lingua originale: inglese
Traduzione di Romano Carlo Cerrone, Piero Pignata
Titolo originale: The Way We Live Now
Nota di Piero Pignata
Due volumi indivisibili

«Avete mai letto i romanzi di Anthony Trollope? Sono proprio il genere che preferisco, così realistici, come se un gigante avesse tagliato un grosso pezzo di globo terrestre e l’avesse messo in una teca di vetro» (Nathaniel Hawthorne).

Oltre ad essere il più lungo, La vita oggi è anche il più grande dei romanzi di Anthony Trollope, l’opera in cui meglio risalta il suo genio letterario. Genio vittoriano, che si affianca a quello di Dickens e di Thackeray, e che a detta di Henry James poggiava sulla «sua totale comprensione dell’usuale». Infatti, in Trollope sembra celebrarsi un vero e proprio fastoso trionfo del «narratore onnisciente», vale a dire del modo di raccontare in cui il lettore è invitato a spolverare i più nascosti angoli delle situazioni, delle vicende e degli stati d’animo. Un procedere maestoso e necessario come un grande fiume, caro ai lettori convinti, come l’autore, che l’obiettivo dello scrivere sia mostrare la varietà della natura umana in tutta la sua ampiezza e profondità, alla ricerca di ciò che è eternamente umano. La vita oggi è un’ambiziosa satira sociale e fu ispirato da una serie di scandali finanziari degli anni Settanta dell’Ottocento. Decine di personaggi attorniano il protagonista principale: un finanziere, August Melmotte, dall’oscuro passato, che impianta a Londra famiglia, affari e vita sociale, e si imbarca in un colossale investimento, che attrae e travolge, segnando innanzitutto la sua propria ascesa e caduta, capitali, talenti, fortune ed entusiasmi provenienti da ogni parte dell’aristocrazia del danaro e dei titoli. E ciascuno di questi sotto-protagonisti, assieme a familiari e affiliati, è posto al centro, come accade nella vita vera, di una sotto-trama, come il ramo che s’impianta nel tronco maggiore e si conclude a sé. Perché il protagonista vero, che il vittoriano Trollope mette in scena, è la disonestà dei suoi tempi, di perturbante attualità nel confronto spontaneo con i nostri. Disonestà politica, morale, intellettuale, perfino giornalistica, oltre che economica. Un quadro desolante di generale corruzione in cui il meno disprezzabile umanamente risulta essere, con impietosa ironia, forse proprio l’artefice dell’imbroglio.

2010

La memoria n. 837

604, 604 pagine

EAN 9788838925139

Formato e-book: epub

Protezione e-book: acs4

Autore

Anthony Trollope (1815-1882), autore di quarantasette romanzi, dei grandi della letteratura inglese dell'Ottocento è il meno conosciuto in Italia, nonostante lo straordinario successo tra i lettori di lingua inglese e la fortuna più recente tra i critici. Questa casa editrice di Trollope ha pubblicato: Orley Farm (1999, 2013),  Lady Anna (2003, 2011), Un'autobiografia (2008), La vita oggi (2010), Il Primo Ministro (2014) e tutti i romanzi del «ciclo del Barsetshire»: L'amministratore (2003), Le torri di Barchester (2004), Il Dottor Thorne (2005), La Canonica di Framley (2001, 2006), La Casetta ad Allington (2007) e Le ultime cronache del Barset (2009).

Altri titoli in catalogo

X

Suggerisci il libro ad un amico

Caro lettore, inserisci i tuoi dati e quelli di una persona alla quale desideri inviare questa segnalazione. Puoi inoltre aggiungere un messaggio per personalizzare la e-mail.

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy

X

Inviaci la tua recensione

Caro lettore, se desideri puoi inviarci la tua recensione di questo libro e condividerla con altri lettori.
I contenuti inseriti in questa pagina saranno pubblicati sul sito nei prossimi giorni, previa valutazione dell'editore.

Massimo 1800 caratteri

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy

X

Scrivi all’autore

Cari lettori, se volete scrivere ad uno dei nostri autori saremo lieti di inoltrare le vostre lettere.
Tuttavia, vi ricordiamo che non possiamo assicurarvi una risposta.

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy