Rien ne va plus

Rien ne va plus

Commenti dei lettori

  • 04/02/2019 - 09:30 Luigi Mazziotta

    Rien ne va plus

    Con formidabile stile, Manzini compone un affresco di personaggi indimenticabili che parla ancora una volta dell’amore di Rocco per Marina e di ciò che gli sopravvive, del valore dei ricordi e della capacità di ascoltarsi ma anche di molto altro. Manzini sa mostrare il lato oscuro della vita e insieme quello luminoso dell’amore. Certo, le cicatrici di Rocco sono quasi più della sua carne in questo romanzo, forse il più umano tra i racconti di Manzini, che allarga i confini della narrativa poliziesca tracciando un affresco imperfetto ma vero della natura umana. Superbo il finale dove l’autore produce un elogio malinconico di una vita ridotta a vano sogno. L’effetto di realtà che queste tracce sollecitano non sarebbe così struggente se non lo correggesse l’idea che tutto è assurdo e irreale. È il il ricordo di un tempo felice non sarebbe così acuto se a comporlo non fosse un uomo che non crede più a niente La verità non si può nemmeno inventare: forse è tutto ciò che sappiamo.

  • 03/02/2019 - 12:09 Roberto Iovacchini

    Rien ne va plus

    Questo libro segna una piccola evoluzione del personaggio del vicequestore Rocco Schiavone, che rimane preda dei suoi ricordi e rimorsi ma mostra un lato umano più evidente, che si manifesta nei rapporti con il suo improbabile amico Gabriele, che ormai vive a casa sua con la madre Cecilia e il cane Lupa che acquista sempre maggior spazio nel racconto, diventando ormai uno dei personaggi irrinunciabili. Manzini è bravo a non dimenticare nessuno dei protagonisti dei libri precedenti, a tutti viene data una piccola parte nei nuovi volumi. Passano gli anni e il fascino di Rocco rimane intatto, le donne continuano a cercarlo, nonostante il suo modo di essere sfuggente, disordinato, a volte brutale, ma sempre sincero e mai ipocrita. Rien ne va plus è un giallo con una trama più articolata rispetto ai libri precedenti, dove c’è spazio per altri protagonisti, per altre storie parallele che non vedono Rocco come protagonista. I libri di Antonio Manzini sul vicequestore Rocco Schiavone sono ormai diventati degli appuntamenti classici per gli appassionati del genere. Leggerli vuol dire respirare un’aria familiare, ci si sente a proprio agio nei freddi inverni aostani, si sta comodi nel loden di Rocco, si cammina bene con le solite Clark’s, anche se inadatte alla neve. Una lettura confortevole, qualche ora di puro rilassamento.

  • 26/01/2019 - 10:42 Maria Elisabetta Aglio

    Grazie

    Grazie per aver creato questo perso aglio così umano e bastardo dolce e duro insieme ho finito il libro in tre giorni arrivando alla fine con la paura di aver perso un amico. Grazie saluti Elisa

2019

La memoria n. 1122

320 pagine

EAN 9788838938924

Formato e-book: epub

Protezione e-book: acs4

X

Suggerisci il libro ad un amico

Caro lettore, inserisci i tuoi dati e quelli di una persona alla quale desideri inviare questa segnalazione. Puoi inoltre aggiungere un messaggio per personalizzare la e-mail.

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy ▽

X

Inviaci la tua recensione

Caro lettore, se desideri puoi inviarci la tua recensione di questo libro e condividerla con altri lettori.
I contenuti inseriti in questa pagina saranno pubblicati sul sito nei prossimi giorni, previa valutazione dell'editore.

Massimo 1800 caratteri

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy ▽

X

Scrivi all’autore

Cari lettori, se volete scrivere ad uno dei nostri autori saremo lieti di inoltrare le vostre lettere.
Tuttavia, vi ricordiamo che non possiamo assicurarvi una risposta.

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy ▽