L’amore ai tempi del Covid-19

L’amore ai tempi del Covid-19

Commenti dei lettori

  • 01/05/2020 - 17:50 Gabriele Gabrielli

    Abbasso i rettili

    Ancora una picconata nei confronti del (falso) perbenismo piccolo-borghese, o borghese tout court. In realtà, nei romanzi di Manzini è descritta la lotta dell’uomo di buon senso, dai modi forse un po’ spicci, contro il cervello prevalentemente rettiliano di certe persone. Forse il peccato più grave che Schiavone vede negli atti commessi dai piccoli esseri, che poi condanna inesorabilmente, è la non empatia nei confronti del genere umano. Questa volta Manzini ha colto l’occasione fornita dal momento scellerato che stiamo vivendo per ottenere il pabulum ideale per i mostri della porta accanto.

  • 21/03/2020 - 19:32 Antonio Cianfarini

    Il virus dell'egoismo

    C’è stato un tempo che passare qualche giorno a casa con l’influenza era un modo per riportare il baricentro della vita quotidiana in asse col nostro corpo. Tre o quattro giorni in cui ci si coccolava, si prestava orecchio ai messaggi per stare meglio e in qualche caso si arrivava perfino a immaginare una lista di cose, tutte per noi, assolutamente da fare appena liberi dalla febbre. Poi è arrivato il COVID-19. E ci sentiamo come dopo un pessimo incubo: siamo svegli, ma non sappiamo più che cosa sia reale e percepiamo ogni attimo lunghissimo nell’attesa della verità. E ogni attimo che passa è un colpo profondo al cuore. Manlio Sperduti, il protagonista del racconto di Antonio Manzini, si è fermato lì, nell’attesa che la verità prendesse di nuovo forma. In quegli attimi deve aver pensato che quella famiglia fosse lo specchio della propria arrabattata esistenza priva di amore. In senso figurato verrebbe da dire che Manlio Sperduti ha staccato la spina per sempre, ma Antonio Manzini gioca con l’amara ironia in ogni fase della vita e del racconto e così, davanti allo stesso specchio, inverte l’immagine della vita che si stacca da tutto il resto, inserendo la spina del fon. Bisogna imparare a contare fino a settecentocinquantaquattro, invece di fino a dieci. Bisogna imparare a riflettere sulle conseguenze delle nostre azioni e delle nostre omissioni in questa famiglia allargata che vive sulla Terra, perché l’indifferenza e l’egoismo uccidono.

2020

Fuori collana n. 27

34 pagine

Formato e-book: epub

Protezione e-book: watermark

X

Suggerisci il libro ad un amico

Caro lettore, inserisci i tuoi dati e quelli di una persona alla quale desideri inviare questa segnalazione. Puoi inoltre aggiungere un messaggio per personalizzare la e-mail.

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy ▽

X

Inviaci la tua recensione

Caro lettore, se desideri puoi inviarci la tua recensione di questo libro e condividerla con altri lettori.
I contenuti inseriti in questa pagina saranno pubblicati sul sito nei prossimi giorni, previa valutazione dell'editore.

Massimo 1800 caratteri

Leggi e accetta l’informativa sulla privacy ▽

X

Scrivi all’autore

Cari lettori, se volete scrivere ad uno dei nostri autori saremo lieti di inoltrare le vostre lettere.
Tuttavia, vi ricordiamo che non possiamo assicurarvi una risposta.

Leggi e accetta l’informativa sulla privacy ▽