Una lama di luce

Una lama di luce

Commenti dei lettori

  • 22/07/2012 - 17:19 Urbani Chiara

    Il ritorno di Camilleri

    IL RITORNO DI CAMILLERI ...non del commissario Montalbano, il suo più celebre personaggio, ma della grande sagacia (ma si dice poi così?) narrativa del suo autore. Da tempo aspettavo, e in buonissima compagnia dato il suo nutrito seguito di appassionati, uno sfavillante ritorno, dopo qualche romanzo non sempre all'altezza delle aspettative. Un ritorno in gran forma dell'accoppiata Camilleri-Montalbano che può essere agevolemnte paragontao all'exploit de "Il ladro di merendine", il romanzo più riuscito della celebre saga che l'ha fatto conoscere al grande pubblico. Con l'ultimo "Una lama di luce" (anche grazie alle "iperboliche" prefazioni di Salvatore Silvano Nigro) il paragone con l'altro romanzo diventa molto più che papabile, si ri-discende nell'interiorità del personaggio, e il cerchio comincia a stringersi sul serio...un vera, trafiggente lama di luce. Camilleri non è uno scrittore, è un TESSITORE che compone atrame di architetture a tavolino, e poi intreccia sapientemente i fili delle storie, talvolta allenatndo di quà, e girando a doppio nodo di là. Stavolta solo un amaro sospetto rompe il dulcis in fundo... che la perfezione di questa sua ultima opera sia una sorta di canto del cigno, quasi un commiato dal fedele lettore: il cerchio de "Il ladro di merendine" si chiude su sè stesso? Una lettrice affezionata.

  • 02/07/2012 - 22:29 Negretto Marina

    una lama di luce

    Ho letto, come al solito, il libro in poche ore. La lingua utilizzata mi fa andare lenta e quindi mi fa gustare ancora di più lo stile. A metà libro avevo capito che si sarebbe conclusa definitivamente la storia di un personaggio comparso nei primi romanzi, altrimenti perchè citarlo? Devo dire che mi sono sentita accopagnata magistralmente alla "sorpresa finale" che tanto sorpresa non è stata, anzi da quando Livia ha cominciato a stare male senza motivo l'ipotesi è diventata certezza. Invece di sentirmi delusa ho apprezzato come è stato descritto il tutto. Non so esprimere emozioni profonde attraverso la scrittura e quindi non mi ci provo. Questo è un libro che mi ha coinvolto nell'intimo. La trama da "giallo" non era il massimo, la pseudo storia d'amore era da Confidenze e non credo che Livia verrà mai cancellata dalla vita di Montalbano perchè serve a definire meglio il personaggio del protagonista e il pubblico è conservatore (come si potrebbe togliere Catarella?). Nonostante ciò questo libro mi ha colpito e arrivo a dire che nella mia graduatoria personale è un libro "bello". L'autore è sicuramente uno scrittore "con i fiocchi".

2012

La memoria n. 893

272 pagine

EAN 9788838927058

9ª edizione

Formato e-book: epub

Protezione e-book: acs4

X

Suggerisci il libro ad un amico

Caro lettore, inserisci i tuoi dati e quelli di una persona alla quale desideri inviare questa segnalazione. Puoi inoltre aggiungere un messaggio per personalizzare la e-mail.

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy

X

Inviaci la tua recensione

Caro lettore, se desideri puoi inviarci la tua recensione di questo libro e condividerla con altri lettori.
I contenuti inseriti in questa pagina saranno pubblicati sul sito nei prossimi giorni, previa valutazione dell'editore.

Massimo 1800 caratteri

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy

X

Scrivi all’autore

Cari lettori, se volete scrivere ad uno dei nostri autori saremo lieti di inoltrare le vostre lettere.
Tuttavia, vi ricordiamo che non possiamo assicurarvi una risposta.

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy