L'età del dubbio

L'età del dubbio

Commenti dei lettori

  • 29/10/2008 - 21:43 Arcangela Cammalleri

    Coup de foudre

    Siamo al 14° libro con protagonista il commissario Montalbano! L'incipit di ben 12 romanzi è simile, Salvo s'arrisbiglia malamente, dopo nuttate fituse, sudatizzo...tutto un ramazzare, un votari e rivotari. Camilleri, di Montalbano in Montalbano, scava sempre più in profondità nelle visceri dell'animo del nostro eroe e le notti e i sogni diventano i segni premonitori del tempo che inevitabilmente sopravanza. I 58 anni si dispiegano tutti davanti al commissario e incombono sudi lui come tanti macigni che lo travolgono, i soliloqui s'infittiscono e, in questa ultima opera letteraria, per non moriri affocato nel mare della vecchiaia si trova come in una timpesta tra Scilla e Cariddi: l'attrazione improvvisa per un'altra donna, è nuova linfa, adrenalina che gli fa scorrere il sangue veloce e limpido come un ruscello alpino, ma lo getta in una gran confusione 'n testa. Attraverso i 12 capitoli della saga di Montalbano, abbiamo, noi lettori, conosciuto progressivamente tutte le sfaccettature del suo carattere che in nuce nei primi romanzi, via via si sono acuite accentuando la solitudine propria del personaggio e la sua propensione a rinchiudersi sempre più in se stesso. L'abbbrivio è un sogno di stampo machbetiano, grottesco e allucinatorio, ma il meccanisco della indagini poliziesche ripete l'usuale clichè, il ritrovamento di un cadavere che metterà in moto tutta la vicenda, arricchita, questa volta, da un coup de foudre, dove fremiti, musica e palpiti 'mparpagliano il nostro commissario. Lo scrittore si diverte dietro le quinte ad esasperare, anche, in maniera caricaturale, tic, vezzi, caratteristiche comportamentali dei suoi personaggi alla stregua di macchiette o maschere teatrali. I cognomi sono uno dei suoi divertissements, come Catarella li stroppìa, il nosrto puparo ci gioca, fa allusioni, metafore:Lattes, Augello ( ingentilito aulicamente),Laura, di memoria petrarchesca, riecheggia l'amor gentile che ratto e rattamente rapisce il cor di Salvo, Belladonna è donna bella e onesta e...atropina per i suoi sensi. Qua e là affiorano citazioni letterarie, un verso di Saba, il titolo di un romanzo di Simenon e Petrarca. In questa ennesima storia montalbiana tutto è più esacerbato e al contempo estenuato, insita una sfinitezza di fondo che aleggia nella trama sia pure di ampio respiro internazionale,( bella la frase di Vittorini traslata per gli extracomunitari:"Erano i dolori del mondo offeso che emanavano quell' odore che feriva"). Se l'impasto linguistico è il tratto distintivo di Camilleri e uno dei motivi di affezione a lui e al suo personaggio, l'alone di uggia e scoramento che adugge l'uomo Montalbano è forse il segno di un latente o annunciato epilogo? L'età del dubbio è di Montalbano o di Camilleri?

2008

La memoria n. 764

288 pagine

EAN 9788838923333

12ª edizione

Formato e-book: epub

Protezione e-book: acs4

X

Suggerisci il libro ad un amico

Caro lettore, inserisci i tuoi dati e quelli di una persona alla quale desideri inviare questa segnalazione. Puoi inoltre aggiungere un messaggio per personalizzare la e-mail.

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy

X

Inviaci la tua recensione

Caro lettore, se desideri puoi inviarci la tua recensione di questo libro e condividerla con altri lettori.
I contenuti inseriti in questa pagina saranno pubblicati sul sito nei prossimi giorni, previa valutazione dell'editore.

Massimo 1800 caratteri

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy

X

Scrivi all’autore

Cari lettori, se volete scrivere ad uno dei nostri autori saremo lieti di inoltrare le vostre lettere.
Tuttavia, vi ricordiamo che non possiamo assicurarvi una risposta.

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy