Il sonaglio

Il sonaglio

Commenti dei lettori

  • 18/03/2009 - 19:21 Arcangela Cammalleri

    Il sonaglio di Andrea Camilleri

    Sulla bandella: " Il meglio di me risiede in questa trilogia fantastica". Questo romanzo, "Il sonaglio" la donna-capra, conclude un ciclo iniziato con "Maruzza Musumeci" la donna-sirena e proseguito con"Il casellante"la donna-albero. Camilleri, in quest'ultima opera letteraria, perviene ad una trasmigrazione di anime femminine in una sorta di metempsicosi in terra siciliana. Giurlà, l'adolescente quattordicenne, mandriano di capre, sarà il trait d'union di questa trasfigurazione tra la capra Beba e la marchesina Anita. Dalla mitologia alla letteratura classica greco-latina, le metamorfosi uno dei sogni impossibili dell'uomo come il volo e l'immortalità. Scrivere per sognare, sognare per vivere, la fantasia, l'immaginazione, giochi illusori per prefigurarsi realtà sognate e possibili da realizzare. In Camilleri il gioco diventa storia tra le più struggenti, Giurlà, il ragazzino fattosi uomo, vive un amore oltre i confini con una tale ed intensa perdizione dei sensi e dell'animo da elevarlo socialmente, sfuggendo, così, alla sorte di uno dei tanti "Vinti" di memoria verghiana. Camilleri scrive quel che vorrebbe leggere e offre al lettore quel che vorrebbe poter vivere, il magico del mito e il mistero della natura in uno stile apparentemente semplice, ma che sottende una complessità simbolica a cui difficilmente ci si può sottrarre.Il mondo arcaico riportato alla luce e intensificato dalla nostalgia di un tempo passato, commistione di leggende popolari e realismo sociale, fa rivivere incanti e sentimenti caduti in oblio. E' ritornata la fantasmagorica immaginazione camilleriana, sono benvenute le mirabolanti acrobazie linguistiche e le pregnanti descrizioni paesaggistiche fatte di odori e colori saporosi a cui eravamo e siamo avvezzi. La lettura, in 191 pagine, di questo libro, ci addentra in un'epoca in cui la marginalità dei miserabili, in una società fortemente iniqua, assurge a dignità letteraria e la primitività dei "Perdenti" ricreata in questo scritto, ci induce ad una adesione fascinosa fuori da ogni logica.

2009

La memoria n. 777

208 pagine

EAN 9788838923562

Formato e-book: epub

Protezione e-book: acs4

X

Suggerisci il libro ad un amico

Caro lettore, inserisci i tuoi dati e quelli di una persona alla quale desideri inviare questa segnalazione. Puoi inoltre aggiungere un messaggio per personalizzare la e-mail.

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy

X

Inviaci la tua recensione

Caro lettore, se desideri puoi inviarci la tua recensione di questo libro e condividerla con altri lettori.
I contenuti inseriti in questa pagina saranno pubblicati sul sito nei prossimi giorni, previa valutazione dell'editore.

Massimo 1800 caratteri

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy

X

Scrivi all’autore

Cari lettori, se volete scrivere ad uno dei nostri autori saremo lieti di inoltrare le vostre lettere.
Tuttavia, vi ricordiamo che non possiamo assicurarvi una risposta.

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy