Filtra per lettera
Malanno precedente
Malanno successivo
Angoscia da disperazione
Chiara Peruffo
Biblioteca Civica Bertoliana
Vicenza - VI
20 Ottobre 2013
rimedio:
Paul Auster, La città di vetro in tirlogia di NewYork. Torino, Einaudi, 1996 p. 6 e 66; Etty Hillesum. Diario 1941-1942.Milano, Adelphi, 1996. 6
All'angoscia intensa che sprofonda in un dolore sordo senza sbocchi, e fa avvertire l'inutilità di ogni nostro tentativo, ho sperimentato molto utili due vie diverse. Per la via fisica vi consiglio La città di vetro di Paul Auster che "inondandosi di esterno, sprofondando il sè fuori da se stesso" permettere una parvenza di controllo sulle crisi di disperazione. Dopo averlo letto prendere la bicicletta e pedalare lungo gli argini facendosi impregnare di foglie, erbe, canti e voli di uccelli. Per la via spirituale propongo di adottare il Diario 1941-1943 di Etty Hillesum che nel profondo della impossibilità di sperare vede aprirsi un serbatoio di bellezza e serenità che viene dal guardare lucidamente i fatti e accettare di viverli, di essere. Semplicemente. In questo caso consiglio di far seguire la lettura da una docccia fredda, una cioccolata calda e un gelsomino in terrazza.
Accedi per commentare