Battaglie e trionfi. Quarant’anni di ricordi

Battaglie e trionfi. Quarant’anni di ricordi

Titolo originale: Struggles and Triumphs: Or, Forty Years’s Recollections of P. T. Barnum
A cura di Andrea Asioli

Con due scritti di Mark Twain

L’inventore del circo moderno, il pioniere dell’industria dell’intrattenimento, in un’autobiografia ricca di verve, avventura e immaginazione che contagia e ammalia il lettore. Un bestseller di fine ottocento che è anche un manuale su come si diventava ricchi in un paese giovane e avventuroso, un’analisi di psicologia dell’intrattenimento, oltre che il racconto di una vita perfettamente a proprio agio nei suoi tempi.

Nella prima metà dell’Ottocento, P. T. Barnum (così preferiva essere chiamato) è stato l’inventore dello «spettacolo più grande del mondo», il pioniere dell’industria dell’intrattenimento, forse anche la prima persona a intuire praticamente come un evento può essere usato nella società di massa per orientare l’opinione comune. Ha fatto questo prima con il suo Museo Americano, dove esibiva animali strani e umani «diversi», alcuni reali, alcuni solo artefatti, dopo con il suo proverbiale Circo che rimarrà in giro per il mondo per i successivi 147 anni. Esagerato, rinomato per le sue trovate pubblicitarie, fu anche un impresario enormemente famoso ed influente, un vero self-made man nato povero diventato milionario e un astuto talento d’affari capace di efficaci colpacci divertenti per chi non ne era vittima, il tutto condito da un esplicito propagandismo di rettitudine cristiana. Questa autobiografia è scritta con lo stesso immaginoso impeto con cui viveva e divenne ai suoi tempi un immediato bestseller. È un manuale su come si diventava ricchi in un paese giovane e avventuroso, un’analisi di psicologia dell’intrattenimento, oltre che il racconto di una vita perfettamente a proprio agio nei suoi tempi. Si è detto dei suoi freaks che rimitizzavano della natura ciò che la scienza andava disincantando. Di certo P. T. Barnum ha insegnato agli americani a unire il divertimento con lo stupore per lo straordinario – qualcosa di simile a ciò che accadeva in letteratura con la narrativa «gotica» –: una forma di spettacolarità che poi gli americani hanno insegnato al mondo, con Hollywood e la televisione. Iniziava così una tendenza oggi imperante, quella della meraviglia che distrugge se stessa con l’eccesso di meraviglia.

 

2018

La memoria n. 1103

416 pagine

EAN 9788838938023

Formato e-book: epub

Protezione e-book: acs4

Autore

Phineas Taylor Barnum (Bethel, 1810-Bridgeport, 1891), figlio di un sarto, negoziante, poi giornalista, diventò impresario presentando artisti e curiosità d’ogni genere. Divenne famoso per aver creato il Museo Americano e il circo con numeri e attrazioni di ogni genere che fuse poi con quello di J. A. Bailey e con quello dei fratelli Ringling, conservando però il suo nome. La sua autobiografia alla fine dell’Ottocento era il libro più venduto negli Stati Uniti dopo la Bibbia.

Suggerimenti

Chi ha consultato la pagina di questo libro ha guardato anche:

X

Suggerisci il libro ad un amico

Caro lettore, inserisci i tuoi dati e quelli di una persona alla quale desideri inviare questa segnalazione. Puoi inoltre aggiungere un messaggio per personalizzare la e-mail.

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy ▽

X

Inviaci la tua recensione

Caro lettore, se desideri puoi inviarci la tua recensione di questo libro e condividerla con altri lettori.
I contenuti inseriti in questa pagina saranno pubblicati sul sito nei prossimi giorni, previa valutazione dell'editore.

Massimo 1800 caratteri

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy ▽

X

Scrivi all’autore

Cari lettori, se volete scrivere ad uno dei nostri autori saremo lieti di inoltrare le vostre lettere.
Tuttavia, vi ricordiamo che non possiamo assicurarvi una risposta.

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy ▽