Filosofia dell'ornamento
2010
Le parole e le cose n. 21
140 pagine
EAN 9788838924774
15,00 euro

Lista dei desideri

Suggerimenti

Chi ha consultato la pagina di questo libro ha guardato anche:
Gesualdo Bufalino
Alfredo Panzini

Christine Buci-glucksmann

Filosofia dell'ornamento

Dall’ornamento come struttura di Gaudì alla pittura di Dalì, dai motivi ornamentali del manierismo a Matisse e la decorazione in Francia, dalla calligrafia figurativa di Paul Klee all’ornamento astratto modernista: un’inchiesta appassionante nei modi della civiltà, in ciò che hanno di più universale ed essenziale: il superfluo.
Traduzione di Simone Verde
Introduzione di Gianni Puglisi
Lingua originale: francese
Titolo originale: Philosophie de l'ornement. D'Orient en Occident
«È a Vienna che nacque la polemica che avrebbe aperto alla modernità. L’ornamento è un “crimine” come scriveva Adolf Loos, o uno “stile” come affermava l’Art Nouveau?». È rozza e barbara incompetenza realizzativa oppure è un’astrazione, «un bello libero» che fornisce il paradigma della creazione? Per l’autrice di questo libro che vuole «articolare momenti di vita e di pensiero», e dunque viaggia tra pensieri, opere, luoghi, città e arte, così parlando di filosofia dell’estetica in modo nuovo, un bilancio di tutti i dibattiti, che quell’alternativa ha suscitato, non soltanto dà torto a Loos. Oggi, che il presente l’ha del tutto riabilitato e l’ornamento «è diventato vita, ciò che è sempre stato fin dalle origini», si può meglio mettere in rapporto la modernità con i primi alfabeti plastici dell’uomo così come con le grandi culture e con gli stili di ornamento occidentali e non occidentali. Un ponte nel tempo e nello spazio che supera in tal modo il doppio pregiudizio che ha condannato per secoli l’ornamento: la sottomissione del bello al vero ontologico, e l’identificazione dell’ornamentale con l’esotico, con l’altro, il femminile, «l’orientale». È un doppio binario che indirizza La filosofia dell’ornamento: da un lato la traccia «dell’oriente nell’occidente» (luoghi e città-ornamento, come Venezia o il Giappone, o l’opera di artisti da Matisse a Gaudì a Klee e Warhol); dall’altro l’esame di questioni basilari, teorie e spiegazioni che fondano la necessità dell’ornamento nella civilizzazione in se stessa. Per esempio, tra le altre «volontà artistica» schopenhauerianamente intesa; i tre archetipi formali del lineare, dell’araldico e dell’organico, presenti dai primordi; il rapporto originario con l’erotismo dell’ornamentale quale illustrato dai tatuaggi; la presenza di un eros e un thanathos, ovvero di pulsioni opposte nell’inconscio plastico (quali rappresentate per esempio dallo stile greco od egizio); la piega classica e la piega barocca. Ne risulta un’inchiesta appassionante nei modi della civiltà, in ciò che hanno di più universale ed essenziale: il superfluo.
Christine Buci-Glucksmann è una filosofa francese e Professore emerito all’Università Parigi VIII specializzata in Estetica del barocco, Giappone e Arte digitalizzata. Il suo libro più famoso è Baroque reason: The Aesthetics of Modernity pubblicato in lingua inglese.
Suggerisci il libro ad un amico
Caro lettore, inserisci i tuoi dati e quelli di una persona alla quale desideri inviare questa segnalazione. Puoi inoltre aggiungere un messaggio per personalizzare la e-mail.
Inviaci la tua recensione
Caro lettore, se desideri puoi inviarci la tua recensione di questo libro e condividerla con altri lettori.
I contenuti inseriti in questa pagina saranno pubblicati sul sito nei prossimi giorni, previa valutazione dell'editore.
Massimo 1800 caratteri

INFORMATIVA AI SENSI DELL'ART.13 D.LGS.196/2003

Gentile Signore/a, desideriamo informarLa che il D.lgs. 196/2003 ("Codice in materia di protezione dei dati personali") prevede la tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali. Secondo la normativa indicata, tale trattamento sarà improntato ai principi di correttezza, liceità e trasparenza e di tutela della Sua riservatezza e dei Suoi diritti.

Ai sensi dell'articolo 13 del D.lgs. n.196/2003, pertanto, Le forniamo le seguenti informazioni:

1.I dati da Lei forniti verranno trattati con modalità manuali ed informatizzate per la gestione della sua adesione alla newsletter. Il conferimento dei dati è facoltativo ma l'eventuale rifiuto a fornire tali potrebbe comportare l'impossibilità parziale o totale di erogare le nostre prestazioni.

2.I dati saranno trattati da incaricati interni con mansioni commerciali o amministrative e potranno essere comunicati a terzi per il completamento di adempimenti obbligatori o per l'esecuzione di alcune prestazioni quali ad esempio la spedizione e la gestione degli ordini.

3.I dati personali potranno essere utilizzati per l'invio di informazioni di carattere commerciale sull'attività editoriale.

4.Il titolare del trattamento è
Sellerio EditoreS.r.l.
Via Siracusa, 50
90141 Palermo
Il responsabile del trattamento è:
Antonio Sellerio reperibile allo stesso indirizzo

5.In ogni momento potrà esercitare i Suoi diritti nei confronti del titolare del trattamento, ai sensi dell'art.7 del D.lgs.196/2003: il diritto di ottenere dal titolare la conferma dell'esistenza o meno dei propri dati personali e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi, di chiedere la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, nonché l'aggiornamento, la rettifica, l'integrazione degli stessi o di opporsi al trattamento stesso.

Scrivi all'autore
Cari lettori, se volete scrivere ad uno dei nostri autori saremo lieti di inoltrare le vostre lettere. Tuttavia, vi ricordiamo che non possiamo assicurarvi una risposta.

INFORMATIVA AI SENSI DELL'ART.13 D.LGS.196/2003

Gentile Signore/a, desideriamo informarLa che il D.lgs. 196/2003 ("Codice in materia di protezione dei dati personali") prevede la tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali. Secondo la normativa indicata, tale trattamento sarà improntato ai principi di correttezza, liceità e trasparenza e di tutela della Sua riservatezza e dei Suoi diritti.

Ai sensi dell'articolo 13 del D.lgs. n.196/2003, pertanto, Le forniamo le seguenti informazioni:

1.I dati da Lei forniti verranno trattati con modalità manuali ed informatizzate per la gestione della sua adesione alla newsletter. Il conferimento dei dati è facoltativo ma l'eventuale rifiuto a fornire tali potrebbe comportare l'impossibilità parziale o totale di erogare le nostre prestazioni.

2.I dati saranno trattati da incaricati interni con mansioni commerciali o amministrative e potranno essere comunicati a terzi per il completamento di adempimenti obbligatori o per l'esecuzione di alcune prestazioni quali ad esempio la spedizione e la gestione degli ordini.

3.I dati personali potranno essere utilizzati per l'invio di informazioni di carattere commerciale sull'attività editoriale.

4.Il titolare del trattamento è
Sellerio EditoreS.r.l.
Via Siracusa, 50
90141 Palermo
Il responsabile del trattamento è:
Antonio Sellerio reperibile allo stesso indirizzo

5.In ogni momento potrà esercitare i Suoi diritti nei confronti del titolare del trattamento, ai sensi dell'art.7 del D.lgs.196/2003: il diritto di ottenere dal titolare la conferma dell'esistenza o meno dei propri dati personali e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi, di chiedere la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, nonché l'aggiornamento, la rettifica, l'integrazione degli stessi o di opporsi al trattamento stesso.