Geronimo il cieco e suo fratello

Geronimo il cieco e suo fratello

Lingua originale: tedesco
Traduzione di Alessandra Iadicicco
Titolo originale: Der blinde Geronimo und sein Bruder
A cura di Beppe Benvenuto, Alessandra Iadicicco

Da un maestro dell'inquietudine: una solitudine a due in cui germina il sospetto.

Arthur Schnitzler scrisse questa storia di una solitudine a due (due fratelli uniti simbioticamente dalla cecità del minore) nel 1900 per la rivista viennese «Die Zeit», che inaugurava le grandi opere dell'isolamento e del pessimismo dei rapporti umani. Tra Geronimo e il fratello devoto si insinua - inoculato come un virus da un fatale sconosciuto - il germe del dubbio.

Autore

Arthur Schnitzler (Vienna, 1862-1931), lo scrittore del sospetto, «sosia» di Freud e allievo dissolvitore del realismo Mach, ha scritto Il ritorno di Casanova, Fuga nelle tenebre, La signorina Else, Doppio sogno. «Le opere del viennese - si legge nella Nota al libro - sono in effetti dominate da un senso di mistero e di fascinazione davanti all'universo delle emozioni e dei grovigli dell'animo umano».

Suggerimenti

Chi ha consultato la pagina di questo libro ha guardato anche:

X

Suggerisci il libro ad un amico

Caro lettore, inserisci i tuoi dati e quelli di una persona alla quale desideri inviare questa segnalazione. Puoi inoltre aggiungere un messaggio per personalizzare la e-mail.

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy

X

Inviaci la tua recensione

Caro lettore, se desideri puoi inviarci la tua recensione di questo libro e condividerla con altri lettori.
I contenuti inseriti in questa pagina saranno pubblicati sul sito nei prossimi giorni, previa valutazione dell'editore.

Massimo 1800 caratteri

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy

X

Scrivi all’autore

Cari lettori, se volete scrivere ad uno dei nostri autori saremo lieti di inoltrare le vostre lettere.
Tuttavia, vi ricordiamo che non possiamo assicurarvi una risposta.

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy